11gR2 New Features – parte III

lunedì 7 settembre 2009 alle 07:55 | Pubblicato su 11g | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Ho la vaga impressione che la release 2 di Oracle 11g contenga un volume di novità pari almeno a quello delle novità introdotte con la release 1 rispetto alla 10g release 2.
Oggi sto esaminando le novità sul “clustering”. Confesso che sono piuttosto confuso, ora accanto al “clusterware” c’è anche la “grid infrastructure”. Se non ho capito male il clusterware è un sottoinsieme della grid infrastructure che ora include anche ASM. Proprio la nuova “collocazione” di ASM mi ha incuriosito. Leggendo le novità sul clusterware si legge che ora OCR e Voting Disk possono essere installati essi stessi su ASM. Questo mi ha fatto andare per un po’ in loop, perché fino alla 10gR2 ASM stesso per funzionare in cluster aveva bisogno del clusterware.  Leggendo il manuale “Clusterware Administrations and Deployment Guide” si legge che ASM gestisce in modo diverso il voting disk rispetto a tutti gli altri file, riporto la frase:

When you place voting disks on disks in an Oracle ASM disk group, Oracle Clusterware records exactly where they are located

Questo significa che in pratica, se ci sono problemi su ASM il clusterware è in grado di accedere direttamente al device.

L’utilizzo di RAW devices  o block devices non è più supportata per il voting disk, mentre dalla nota di questo paragrafo si apprende che in caso di necessi OCR può ancora essere messo su Raw device o Block device.

Il dubbio che mi rimaneva a questo punto era: dove si mette l’SPFILE di ASM?

Ebbene, io fin’ora l’ho sempre messo su Raw devices perché era secondo me fino alla 10gR2 la soluzione migliore, una posizione condivisa che non necessitava di altri software di “clusterizzazione”.   Ora, con 11gR2 c’è un nuovo manuale intitolato “Database Storage Administrator’s Guide” in cui è stato spostato la parte relativa ad ASM e tutte le cose collegate allo “storage”,  qui pare dire che l’opzione RAW device per questo file è ancora valida, Oracle raccomanda di mettere l’SPFILE su un disk group …. ?  francamente o è un refuso o mi sfugge qualcosa.

In effetti la cosa secondo me non è banale, però leggendo il paragrafo successivo si capisce che non è ne un refuso ne uno scherzo, conferma che è possibile mettere l’SPFILE in un disk group gestito da ASM stesso,  il tutto pare gestito da una componente che ancora non conosco, il Grid Plug and Play (GPnP) per cui questo manuale rimanda al manuale RAC Installation Guide

Insomma Oracle sta cercando di accentrare su se stessa un numero sempre maggiori di funzionalità e cerca, a suo dire, di consolidare e semplificare la gestione, in realtà diventa sempre più difficile secondo me mantenere su un DBA tutte le competenze per queste cose (infatti sono previsti privilegi diversi ad esempio per la gestione di ASM e dei database). Si mantiene quindi una notevole pila di prodotti, il cui utilizzo forse facilita e semplifica in ambienti grandi (i cosiddetti Enterprise) ma non so quanto aiutino in ambienti medio-piccoli come quelli in cui lavoro io.

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: