Soluzioni di Virtualizzazione dei dati

giovedì 8 gennaio 2015 alle 08:21 | Pubblicato su cloud, Diario, Varie, virtualizzazione | Lascia un commento
Tag:

Negli ultimi tre/quattro anni sono stato molto pigro o forse solamente preso da altri impegni, sia lavorativi che extralavorativi, fatto sta che ho dedicato molto meno tempo di quanto non ne dedicassi prima all’approfondimento di nuove tematiche tecnologiche e al rimanere per quanto possibile informato sull’andamento della tecnologia almeno nel settore più vicino a quello in cui lavoro, quindi sintetizzando ai sistemi di gestione delle basi di dati. A peggiorare la situazione è arrivata sei mesi fa una batosta personale che oltre a mettere a dura prova il mio morale e le mie motivazioni ha ridotto ulteriormente il mio tempo libero a disposizione per questa attività di formazione continua. Oggi ho trovato il tempo per dedicarmi all’esplorazione degli articoli “non letti” presenti sulla mia sezione feedly, articoli che si sono accumulati ormai da mesi, anche se noto una scarsa attività.

Oggi ho letto questo articolo di Kyle Hailey intitolato “Top 3 criteria to choose a data virtualization solution”. Quando ho iniziato a leggerlo non avevo neanche idea di che cosa si intendesse  per “data virtualizzation solution”, man mano che leggevo l’articolo pensavo a quanto la tecnologia in questo campo deve essere avanzata in questi ultimi anni, praticamente senza che io me ne accorgessi. D’accordo, è un settore che effettivamente io per ora posso guardare solo da fuori, forse la mia azienda ancora non ha dimensioni tali da sentire l’esigenza o la necessità di questo tipo di soluzioni, anche se posso immaginare che andando le cose come sono andata negli ultimi anni tale esigenza potrà a breve sorgere. In ogni caso la letture di questo articolo è stata per me stimolante, anche se non entra in nessun dettaglio, fa un ottimo riassunto delle caratteristiche che ci si può aspettare di trovare e quindi ottenere oggi con questi sistemi di virtualizzazione dei dati, che in pratica estendono di molto il concetto di snapshot gia presente sulle SAN e su alcuni tipi di filesystem gia da anni. Hailey scrive che ci sono sistemi che permettono di fare dei “branch” dei dati, che tali branch possono essere fatti in modo efficente sia in termini di tempo che di spazio occupato, un po’ come facciamo normalmente con il sistema di gestione del codice sorgente ad esempio con Subversion.

In effetti anche nella mia piccola esperienza mi ritrovo con la problematica di avere più copie e versioni degli stessi dati, solitamente i database si moltiplicano, ambienti di sviluppo, di test, di integrazione, di UAT, di demo ecc. Questo viene gestito nel mio caso con dump di schemi di database Oracle che vengono creati e importati qua e la.

Si tratta di un argomento che ho trovato interessante, per questo ho voluto scriverne qualcosa, se non altro per tenere una traccia anche dell’interessante articolo di Kyle Hailey, se qualcuno mi dovesse chiedere qualcosa in futuro sui sistemi di virtualizzazione dati o CDM o CDV o DVA forse potrò dare una risposta diversa dal solito: “mai sentito prima ”🙂

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: